«

»

K2 E AMA PUJUNG: TRA VERTIGINE E SACRALITA’

Appuntamento mozzafiato con l’avventura e la sacralità della montagna.
Il Festival Le Parole della Montagna​ ospita il grande KURT DIEMBERGER, l’unico alpinista vivente ad aver scalato due ottomila in prima assoluta.
Ma Kurt, oggi ottantaquattrenne, è anche il protagonista dell’estate drammatica del 1986, quando tredici alpinisti persero la vita sulle pendici del K2. Kurt e la sua compagna Julie, nel tentativo di scalare la “montagna delle montagne”, raggiunsero la cima, ma Julie e altri quattro morirono nella discesa, prigionieri della tempesta a 8000 metri, senza viveri né acqua.
L’uomo e la montagna possono legarsi indissolubilmente, se la montagna viene vissuta non come oggetto da conquistare ma come un’entità da rispettare e da amare e di cui, salendo, si arriva a far parte. E’ il rapporto con la sacralità che Kurt ha sperimentato in prima persona.

barba