↑ Return to Festival 2013

28 LUGLIO 2013

1059948_10201516745868416_557640251_n “e nostra scala infino ad essa varca”

Escursione verso il varco di Palazzo Borghese sulla Strada Imperiale

Ore 08,30

ritrovo a Castelluccio di Norcia
Durante l’escursione reading e spettacolo musicale

 

Si raccomanda l’uso di abbigliamento adeguato (compresa giacca o felpa e impermeabile, cappello o bandana, occhiali da sole), scarpe comode, possibilmente da trekking, uno zaino adatto, acqua e qualcosa da mangiare. Un’escursione in montagna, per quanto facile, comporta sempre un certo grado di fatica, tratti di sentiero scomodi o ripidi, qualche rischio oggettivo. Gli accompagnatori fanno il possibile per ridurre i rischi ed aiutare i partecipanti, ma si richiede a tutti collaborazione e la consapevolezza di non stare facendo una semplice passeggiata. Per la sicurezza di tutti si richiede, inoltre, di seguire alla lettera le direttive del capogita e degli accompagnatori.

Per i non soci CAI, è obbligatorio dare comunicazione entro le 24 ore precedenti al CAI di Amandola: info@caiamandola.it       (€ 5 per copertura assicurativa e soccorso alpino)

DESCRIZIONE DEL PERCORSO

Dal pian grande di Castelluccio, nei pressi dell’inizio della salita che porta al paese, si abbandona la strada asfaltata e si inizia a percorrere una carrareccia che in circa 20-30minuti di cammino porta al Rifugio di Capanna Ghezzi. Da qui si imbocca il sentiero per Forca Viola che, aggirando un crinale, porta in circa 15 minuti ad un bivio per poi proseguire dritti in direzione Palazzo Borghese. Da qui si inizia a percorrere l’antica strada imperiale che attraversa a mezza costa il versante Ovest del Monte Argentella. In circa un’ora, dopo aver attraversato alcuni impluvi, il sentiero si restringe leggermente e gira verso destra, puntando alla sella di Passo Borghese che si raggiunge in circa 20 minuti. Da qui gli escursionisti più “arditi” potranno decidere se salire sul Sasso Borghese, raggiungibile in circa cinque minuti con qualche passaggio di II grado, a tratti esposto, dove occorre prestare molta attenzione. In base al numero degli escursionisti e alle condizioni meteo il rientro potrà essere effettuato o sullo stesso percorso dell’andata o percorrendo un anello che ci porterà fin sopra il Monte Argentella (quota 2.200 m) per scendere poi al rifugio di Capanna Ghezzi percorrendo il sentiero di Forca Viola.

Percorrenza 4.30h – dislivello 600m – Difficoltà EE