↑ Return to Le date

24 LUGLIO 2014

10366242_10204274418962731_453746111188064898_nOre 18,00
[esperienza]
Cammino di avvicinamento al Festival
Accoglienza dei camminatori

I Sibillini sono montagne dai grandi orizzonti, praterie montane, creste affilate e gole impervie, scavate nel calcare. Un ambiente di rara bellezza, che si attraversa in tre giorni di cammino, per approdare sulle armoniose colline marchigiane, a Smerillo. Durante il cammino di avvicinamento al festival affronteremo il tema del silenzio, che sigla l’intera manifestazione, con letture: la guida porterà le sue scelte, ma tutti possono arricchire le serate e le soste con proprie proposte. E i monti della Sibilla ci offriranno il prezioso dono del silenzio, nel cuore dell’estate.
Partenza il 22 luglio da Fiastra ed arrivo a Smerillo il 24 luglio.

 

10540406_554070898037869_6012542110059076334_n[immaginario]
“INTO THE SILENCE”
Mostra Fotografica di CARLO BEVILACQUA
Presentata da CECILIA C CASADEI

Uno spaccato sull’ermetismo contemporaneo, la mostra è stata pubblicata in più di quindici paesi in riviste come GEO, Ojo de Pez, Chine Lens, La Croix, e gli sono stati dedicati articoli su riviste come L’Espresso o Art Inside e sui blogs più influenti sulla fotografia contemporanea come New York Times Lens Blog o L’oeil de la Photographie. La mostra arriva ora a Smerillo, per parlare di silenzio, nella forma estrema dell’eremitismo, una vita di solitudine, veglie, letture, meditazione e, nel caso degli eremiti religiosi, preghiera. Scatti di forte impatto emotivo da non perdere.

Ore 20,00
[convivalità]
Buffet Festival
Cena con degustazione di prodotti tipici del territorio

giorgio tassiOre 21,30
[parentesi]

la poesia apre
“DEEP” di GIORGIO TASSI

 

 

 

 
Carla Perrotti[parole]
“I SILENZI DELL’ANIMA”
Incontro con CARLA PERROTTI

Documentarista, con lunghissima esperienza di viaggi e spedizioni nei luoghi più selvaggi ed inesplorati della terra, Carla Perrotti è la prima donna ad aver attraversato da sola con i Tuareg in Sahara, il deserto del Ténéré in Niger a seguito di una carovana del sale. Ha attraversato tutti i deserti della terra, in avverse condizioni, con temperature di 45 gradi durante il giorno e di 3-4 gradi nel corso della notte, in ambienti suggestivi e ricchi di storia. Ci parlerà della sua esperienza personale di silenzio, voce dell’anima.