↑ Return to Le date

26 LUGLIO 2014

YogaOre 9,00
[esperienza]
Corso di meditazione e silenzio
“IL SILENZIO INTERIORE”
Con ANTONELLA DE GASPERI

Meditazione silenziosa sul corpo, dove la mente si ferma per lasciare libera espressione del corpo nella sua interezza (corpo, respiro, mente).

 

 

 

poesiaOre 11,30
[parentesi]
Agorà poetico organizzato da Quid Culturae
IL SILENZIO CHE PARLA
con FILIPPO DAVOLI, FRANCO LOI, DAVIDE RONDONI, PAOLA LORETO

Smerillo, già denominato “cittadella della poesia”, accoglie poeti di fama nazionale ed internazionale, che soggiorneranno nel piccolo Borgo per tutta la durata del Festival per riflettere sul tema del silenzio e scrivere versi poetici che verranno condivisi alla fine della manifestazione.
Le parole della montagna si riempiono di suono poetico e riecheggiano nell’aria di Smerillo.

 

 

 

libri_161507_407x229Ore 16,00
[parole]
MONTAGNA DI PAROLE, PAROLE DI MONTAGNA
Presentazioni libri di montagna (e non solo)

 

Ore 16,30
[parentesi]

 

Franco Loi

filippo davoli

Paola Loreto

la poesia apre
con FILIPPO DAVOLI, FRANCO LOI, PAOLA LORETO

La poesia apre. Apre la giornata di Festival ma apre anche e soprattutto l’animo e lo predispone ad una amplificata percezione sensoriale di tutto quello che verrà nel resto della serata.

 

 

 

 

[parole] Carlo Bevilacqua“EREMITI DEL TERZO MILLENNIO”
Incontro con CARLO BEVILACQUA

Il grande fotografo ha viaggiato in Europa ed Italia, alla ricerca degli eremiti contemporanei ed ha conosciuto la loro scelta estrema, fatta di silenzio, solitudine, veglie, letture, meditazione e, nel caso degli eremiti religiosi, preghiera.

 

 

[parole]
“IL VIAGGIO VERTICALE E IL SILENZIO DELL’ABISSO”
Enrico CamanniIncontro con ENRICO CAMANNI

Che cos’è la scalata, se non un viaggio verticale? L’uomo che si solleva da terra e intraprende una scalata è esploratore di uno spazio che non gli appartiene.
Scalare e viaggiare nascondono lo stesso segreto, rispondono alla stessa parola d’ordine: leggerezza. Con parole che assomigliano ai gesti leggeri e sicuri di chi sale in parete, Camanni spiega come l’esperienza di un “viaggiatore verticale” abbia molteplici dimensioni: quella fisica, legata al peso del corpo, all’inesorabile legge di gravità, e alle buone pratiche per affrontarla con successo; quella sensoriale, che allena oltre ai muscoli anche lo sguardo, il tatto, l’udito, e analizza tutte le relazioni con la materia circostante, sia essa la roccia o l’aria; e soprattutto, quella spirituale che indaga e interroga i movimenti dell’anima che preparano e accompagnano l’esperienza della scalata.

PASSEGGIANDO PER IL MERCATINO

Due passi tra le mura incantate del borgo di Smerillo, stretti tra l’abbraccio dei Monti Sibillini, con la possibilità di trovare parole e prodotti tipici nutrienti per l’anima e per il corpo.

 

 

 

Ore 19,30 [parole] Silvio Mondinelli“OLTRE I QUATTORDICI OTTOMILA”
Dove regna il silenzio
Incontro con SILVIO GNARO MONDINELLI

Salire una montagna, raggiungere gli ottomila metri ed oltre, attraverso i racconti di Silvio Mondinelli, detto Gnaro, per vivere con lui un’esperienza emozionante che non è impresa eroica o primato sportivo, ma esperienza trascendente che trasforma. Vivere, attraverso i suoi racconti, i molteplici soccorsi effettuati durante le sue spedizioni extra-europee. Spesso proprio la decisione di portare aiuto a qualche alpinista in difficoltà, talvolta un amico, più di frequente uno sconosciuto, si è rivelata determinante per il fallimento di un tentativo di scalata alla vetta; non per questo Gnaro ha chiuso gli occhi di fronte alla sofferenza umana.
I racconti di Gnaro saranno accompagnati dal film documentario “Oltre i 14 ottomila” realizzato dalla giornalista Sky Dody Nicolussi, film che ha avuto la menzione d’onore al festival internazionale “Sport Movies & TV” di Milano.

Ore 20,30
[convivalità]
Buffet Festival
Cena con degustazione di prodotti tipici del territorio

Ore 22,00
[immaginario]
untitled“AVEVAMO UN APPUNTAMENTO”
In concerto con CLAUDIO SANFILIPPO

Cantautore (Targa Tenco con l’opera prima “Stile libero”), è anche autore per De André, Finardi, Bertoli, nonché Mina, per la quale ha tra l’altro scritto la recentissima “La palla è rotonda”, sigla RAI dei collegamenti sportivi dei Mondiali di Calcio 2014. E’ in uscita un suo nuovo album, “Avevamo un appuntamento”, contenente nuovi brani inframezzati da inserti poetici letti da Neri Marcorè.