↑ Return to Festival 2012

Il Programma

Il Festival è fatto di parole, musica e spettacolo, arte, convivialità, escursioni in montagna.

Il programma è diviso in sezioni:
[parentesi] sezione dedicata alla poesia
[parole] sezione dedicata alla comunicazione del pensiero
[immaginario] sezione delle arti e spettacolo
[esperienza] sezione delle escursioni in montagna
[Festival del bambini] sezione speciale dedicati ai bambini

Ogni giornata del Festival, viene introdotta da una parentesi di poesia, versi e parole sul tema scelto, per aprire l’animo e predisporlo ad una amplificata percezione sensoriale di tutto quello che verrà nel resto della serata.

A seguire, il pensiero dei relatori sul tema scelto.  Sono stati coinvolti illustri pensatori, scelti fra filosofi, letterati, uomini di cultura e di spessore umano e spirituale, di prestigio non solo nazionale.

Glispettacoli chiudono ogni serata, con raffinate proposte di musica, teatro e danza.

Particolare rilievo hanno le escursioni montane, organizzate su facili sentieri percorribili da tutti, che permettono un’esperienza personale di ascesa alla vetta e nel contempo promuovono le meraviglie paesaggistiche dei Monti Azzurri. Durante le escursioni sono previsti spettacoli teatrali e reading sul tema scelto, in suggestive ambientazioni montane.

All’interno del calendario, sono concepiti momenti di convivialità e degustazione di prodotti tipici, con il duplice vantaggio di proporre momenti di aggregazione, anche con i protagonisti della serata, e contestualmente promuovere e salvaguardare le tipicità del territorio.

Nel primo fine settimana, oltre all’inaugurazione di una mostra fotografica sul “Kailash, la montagna degli dei”, è prevista la realizzazione di un Mandala, ad opera di monaci tibetani, con relativa cerimonia di distruzione. Il Mandala, cerchio eterno, ruota della vita, vuole rappresentare simbolicamente l’armonica compresenza della bellezza e della caducità, la vetta e l’abisso, con una forza che dà vita e conduce al proprio centro.

Particolare attenzione è riservata alla sezione speciale [Festival dei bambini], una sezione dedicata ai più piccoli, i quali verranno coinvolti in un’escursione nei boschi in compagnia degli asini, all’interno della quale verrà loro proposto un intrattenimento teatrale sulla leggenda del Guerrin Meschino, in armonia con il tema dell’intera manifestazione. Nel pomeriggio, un laboratorio nel quale i bambini potranno disegnare e rappresentare la leggenda della Sibilla.

L’apertura del Festival verrà celebrata a Roma, Palazzo Valentini, il 18 luglio, con la presentazione di una mostra fotografica sui Monti Sibillini; una conferenza sulla sacralità della montagna; la proiezione di un video su Giuseppe Tucci ed un concerto-spettacolo sulla leggenda del Guerrin Meschino e della Sibilla, accompagnato dalla musica celtica degli Ogam.