Un festival per elevare lo sguardo, scoprire le radici, cercare il sacro, aprirsi all’inatteso…

Subscribe elementum semper nisi. Aenean vulputate eleifend tellus. Aenean leo ligula, porttitor eu, consequat vitae eleifend ac, enim. Aenean vulputate eleifend tellus.

[contact-form-7 404 "Not Found"]

Subscribe elementum semper nisi. Aenean vulputate eleifend tellus. Aenean leo ligula, porttitor eu, consequat vitae eleifend ac, enim. Aenean vulputate eleifend tellus.

[contact-form-7 404 "Not Found"]

VEN 17/07

ore 17:00
[ poesia ]

LA POESIA APRE

ore 17:10
[ parola ]

È TEMPO DI RICONNETTERSI
CON LA NATURA

con Andrea Bianchi

È necessario ritrovare una profonda connessione emozionale con la Natura in grado di muoverci ad azioni concrete di cambiamento. Il risveglio della relazione vitale con la Natura è possibile, ma occorre spingersi oltre i confini della nostra comfort zone, facendo del freddo, della vita all’aria aperta e del cammino a piedi nudi il nostro migliore alleato.
ANDREA BIANCHI Ingegnere, giornalista e scrittore, fondatore ed editore del magazine online MountainBlog, conduce laboratori di camminatori scalzi. Tra i suoi libri La via del freddo alla felicità (2020).
ore 17:30
[ parola ]

LA CRESCITA È LENTA
MA IL COLLASSO È RAPIDO

con Ugo Bardi

L’orologio dell’Apocalisse segna LMM secondi alla fine del mondo. Il collasso dell’umanità sembra oramai ad un passo. Seneca aveva notato che quando le cose cominciano a peggiorare, precipitano poi rapidamente. La scienza dei sistemi complessi ci dice che il motivo principale della rapidità del “Collasso di Seneca” è proprio il tentativo di evitarlo. Il collasso è un modo che l’universo usa per liberarsi del vecchio e fare spazio al nuovo, un punto di svolta da una condizione all’altra, potenzialmente un’opportunità. Convivere con il collasso, lasciare che la natura segua il suo corso, potrebbe essere la soluzione.
UGO BARDI Docente di chimica fisica presso l’Università di Firenze, collabora con il Club di Roma ed è membro dell’Associazione per lo Studio del Picco del Petrolio (ASPO), di cui è fondatore della sezione italiana. Si occupa di esaurimento delle risorse, dinamica dei sistemi, scienza del clima ed energie rinnovabili. Saggista e divulgatore scientifico è attivo anche come blogger e conferenziere.
ore 18:30
[ parola ]

VERSO L’ERA DEI ROBOT UMANOIDI

con Markus Krienke, Alessandra Sciutti, Michele Focchi

Robot umanoidi capaci di percepire quali siano le necessità ed i desideri dell’uomo attraverso la lettura del comportamento non verbale; sistemi robotici capaci di scegliere differenti andature di locomozione a seconda delle mutevoli condizioni ambientali. Semplici macchine o intelligenze artificiali che si sostituiscono all’uomo? Due scienziati ed un filosofo di etica sociale si interrogano su quanto manca alla creazione di un robot con coscienza ed intenzionalità e sulle relative conseguenze etiche.
MARKUS KRIENKE Professore ordinario di Filosofia moderna ed Etica sociale presso la Facoltà di Teologia di Lugano, direttore della Cattedra Rosmini, professore incaricato per Antropologia filosofica alla Pontificia Università Lateranense, insegna Dottrina sociale della Chiesa alla Facoltà teologica dell’Italia Settentrionale di Milano.
ALESSANDRA SCIUTTI Ricercatrice responsabile dell’unità CONTACT presso l’IIT-Istituto italiano di tecnologia di Genova. Nel 2018 ha ricevuto un prestigioso finanziamento per giovani ricercatori con il progetto wHiSPER. Considerata una delle cinquanta donne più influenti nel mondo della tecnologia nel nostro Paese, rivolge lo scopo scientifico della sua ricerca nello studio dei meccanismi sensoriali e motori alla base dell’interazione umana.
MICHELE FOCCHI Ricercatore senior in robotica avanzata al dipartimento di Dynamic Legged Systems dell’IIT-Istituto italiano di tecnologia di Genova collabora con un team di ricerca internazionale per la progettazione di robot quadrupedi e dello studio della loro locomozione.
ore 22:00
[ immaginario ]

TEMPO, PRINCIPE

Poesia, foto e danza
con Davide Rondoni, Carlotta Santandrea, Patricio Lolli
Foto di Elio Ciol

La fotografia, come ogni arte, è arte del tempo. Del suo misterioso farsi e disfarsi dinanzi a noi e in noi. Farsi e disfarsi che ci elimina o forse, come direbbe Mario Luzi, a quel mistero ci parifica. I versi poetici di Davide Rondoni inseguono il tempo, Principe meraviglioso e tremendo. Principe ma non Re. E dialogano con gli sguardi di Elio Ciol. I passi del tango, canto della nostalgia, fondono parola e immagini.
DAVIDE RONDONI (Forlì 1964), poeta e scrittore, ha vinto alcuni tra i maggiori premi di poesia. È tradotto in vari paesi del mondo. Collabora con programmi di poesia e cultura in radio e TV ed è editorialista per alcuni quotidiani. Ha fondato il Centro di Poesia contemporanea dell’Università di Bologna e la rivista “clanDestino”. È autore di teatro e traduttore. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Salvare la poesia della vita (2018, E come il vento (2019), Noi, il ritmo (2019).
CARLOTTA SANTANDREA Artista poliedrica e versatile, spazia dalla musica alla danza, dalla composizione alla recitazione. Dal 2005 sceglie di dedicarsi professionalmente al tango. Importante l’incontro con il Mo. Patricio Lolli, con il quale compie un lavoro approfondito di sperimentazione che la porterà ad accompagnarlo negli spettacoli, lezioni e stages.
PATRICIO LOLLI Nasce a La Plata, città a 50 km a sud di Buenos Aires, da genitori italiani. Cresce ascoltando tango, musica che diventerà parte integrante della sua vita. Stabilitosi a Bologna promuove la fondazione dell’Associazione Residenti Argentini (Area) di Bologna. Insegnante ed eclettico ballerino, ha esperienze di teatro e di televisione legate al mondo del tango.
ELIO CIOL Nasce a Casarsa della Delizia nel 1929. Sempre alla ricerca di nuove dimensioni espressive, elabora un personale modo di esprimersi attraverso la fotografia. Da oltre 60 anni, scrive con la luce, tracciando un lungo e affascinante itinerario fotografico. Molti i premi e i riconoscimenti ricevuti nella sua lunga attività. È autore di numerosi libri fotografici.