Un festival per elevare lo sguardo, scoprire le radici, cercare il sacro, aprirsi all’inatteso…

Iscriviti alla newsletter

Subscribe elementum semper nisi. Aenean vulputate eleifend tellus. Aenean leo ligula, porttitor eu, consequat vitae eleifend ac, enim. Aenean vulputate eleifend tellus.

[contact-form-7 404 "Not Found"]

Subscribe elementum semper nisi. Aenean vulputate eleifend tellus. Aenean leo ligula, porttitor eu, consequat vitae eleifend ac, enim. Aenean vulputate eleifend tellus.

[contact-form-7 404 "Not Found"]

DOM 22/07

ore 09:00 - 10:30

Smerillo

[ laboratori ]

ORIENTAMENTO SENZA MAPPA

con FRANCO MICHIELI

Il Laboratorio parte da una lettura dell’ambiente in cui ci si muove, senza cartine ed informazioni, per orientarsi e trovare una via. Spegnere rigorosamente il cellulare e mettere gli orologi nello zaino, lasciandosi guidare dal trascorrere naturale del giorno.

IL SENTIERO DELLA VITA: ALLE RADICI DEL NOSTRO CENTRO INTERIORE

con PAOLA MARIA VITALE

Dal contatto con la natura e con il nostro corpo troviamo la via per andare al nostro centro interiore, sorgente di salute, creatività e gioia da cui scaturisce vita sempre rinnovata.

 

PAOLA MARIA VITALE medico e psicoterapeuta, vive a Roma. Pratica una medicina “secondo natura” e nei percorsi di psicoterapia aiuta le persone a ritrovare se stesse e il senso del proprio cammino.

MULADHARA CHAKRA il chakra radice

con ANTONELLA DEGASPERI

Il laboratorio vuole portare alla percezione della nostra radice sottile, fusione tra coscienza (sat) e consapevolezza (cit).
Le sequenze pratiche sono adatte a tutti e portano ad uno stato di consapevolezza extra-ordinario con benefici su tutto il nostro corpo.

 

ANTONELLA DEGASPERI diplomata presso EFOA , insegna Hatha Yoga da 23 anni nelle Marche.
ore 17.30

Smerillo

[ esperienza ]

CONCERTO DI SUONI ARMONICI

con Susanna Ricci

ore 18.00
[ parola ]

IL VENTO NON HA RADICI: STORIE DI DIASPORE E CONFINI

con MONI OVADIA

MONI OVADIA Musicista, cantante, attore, drammaturgo, compositore e scrittore. Filo conduttore dei suoi spettacoli e della sua vastissima produzione discografica e libraria è la tradizione composita e sfaccettata, il “vagabondaggio culturale e reale” proprio del popolo ebraico, di cui egli si sente figlio e rappresentante, quell’immersione continua in lingue e suoni diversi ereditati da una cultura che le dittature e le ideologie totalitarie del Novecento avrebbero voluto cancellare, e di cui si fa memoria per il futuro.