COMITATO SCIENTIFICO

BufacchiBUFACCHI EMANUELA

E’ professore a contratto all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli.
La sua attività di ricerca riguarda principalmente i seguenti argomenti: l’esegesi e la critica dantesca, i romanzi libertini del ‘600, la critica letteraria otto-novecentesca, il Futurismo.
Tra le principali pubblicazioni: «A commentar Dante ci vuole un medievalista». Saggi sul dantismo critico di Arturo Graf, pref. di Achille Tartaro, Firenze, Le Lettere, 2008; con Silvia Zoppi Garampi, Gherardo Marone e i futuristi a Napoli, Napoli, Macchiaroli, 2011; Giuseppe De Robertis – Leone Piccioni, Carteggio 1944-1963, a cura di E.B., Potenza, Circolo culturale Silvio Spaventa Filippi / Fondazione Premio Basilicata, Erreci edizioni, 2012; Girolamo Brusoni, Degli amori tragici, a cura di E. B., Roma, Salerno editrice (“Faville”), 2009; Gregorio Leti,Il puttanismo romano (1668), a cura di E. B., Roma, Salerno editrice (“Faville”), 2004.
Cura la sezione “Trecento” della Rassegna della Letteratura Italiana.

 

 

Enrico Camanni

CAMANNI ENRICO

Nato a Torino nel 1957, ha conseguito il diploma di maturità scientifica al liceo Gobetti in clima post sessantottino e ha frequentato il corso di indirizzo storico alla facoltà di Scienze Politiche. Alpinista molto attivo sulle Alpi, dove ha aperto una decina di vie nuove e ripetuto circa cinquecento itinerari di roccia e ghiaccio, è stato membro del Gruppo Alta Montagna, istruttore della Scuola nazionale di Alpinismo Giusto Gervasutti e direttore della Scuola nazionale di Scialpinismo della Sucai Torino. Attraverso la passione per l’alpinismo, è approdato al giornalismo di montagna, alternando lo studio con il lavoro di redazione.
È stato redattore capo della “Rivista della Montagna” dal 1977 al 1984. Nel 1985 ha fondato il mensile “Alp”, che ha diretto per tredici anni. Dal 1999 al 2008 ha diretto la rivista internazionale di cultura alpina “L’Alpe” (edizione italiana), nata da un accordo di cooperazione con il Musée Dauphinois di Grenoble.
Dal 1999 collabora con il quotidiano “La Stampa”, nelle pagine culturali e in cronaca.
Dal 2008 al 2011 ha diretto il mensile “Piemonte Parchi” della Regione Piemonte.

 

cecilia smerillo

CASADEI CECILIA

Specializzata in Psicologia della percezione visiva ed Espressività visuale, insegna Filosofia e Scienze Umane fino al 2009. Critico d’Arte e Curatore indipendente ha al suo attivo numerose presentazioni, direzioni artistiche, curatele di collettive e personali. Nominata più volte Presidente di giuria per concorsi e premi d’Arte, membro di giuria per associazioni ed istituzioni pubbliche. Nel 2011 collabora alla selezione degli artisti marchigiani per la 54esima Biennale di Venezia curata da Vittorio Sgarbi, il suo nome in catalogo con il nom de plume  Cecilia Ci. Autore di saggi, cataloghi, testi critici firmati anche con lo pseudonimo. Giornalista d’Arte iscritta all’albo Pubblicisti collabora con Il Resto del Carlino e riviste specializzate: numerose le interviste e gli articoli relativi a personaggi di rilievo del contemporaneo, senza trascurare uno sguardo al passato. Per la testata nazionale del “Carlino” si occupa, ad esempio, della querelle sul recente ritrovamento del crocifisso attribuito a Michelangelo. Nominata dal MIUR come rappresentante del Governo italiano, sarà Vicepresidente dell’Accademia Belle Arti di Urbino nell’ultimo periodo della presidenza del professor Sgarbi. Autore di memorie difensive in importanti cause per violazioni di diritti d’autore e valutazione di opere d’arte, è, tuttora, Consulente e Perito  d’Arte iscritta all’albo del Tribunale di Pesaro.

 

filippo davoli

DAVOLI FILIPPO

Nato a Fermo nel 1965, vive e lavora a Macerata. Tra i suoi libri di poesia si ricordano Alla luce della luce (NCE, 1996 – introduzione di Franco Loi), Un vizio di scrittura (Stamperia dell’arancio, 1998), finalista al Premio “Dario Bellezza”,padano piceno (Biblioteca di ciminiera, 2003), Come all’origine dell’aria(L’arcolaio, 2010) e I destini partecipati (La Vita Felice, 2013).
Tra i vincitori del “Montale” del 2001 per l’inedito, pubblicato col titolo di 14 solitariin 7 poeti del Premio Montale (Crocetti, 2002), è tradotto in Francia in Filippo Davoli. Cinquante poesies – 1994-2003 (Editions Bénévent), a cura di Daniel Bellucci. In ambito critico, ha curato con Guido Garufi il volume In quel punto entra il vento (Quodlibet studio, 2008), dedicato alla ricezione dell’opera di Remo Pagnanelli nella poetica delle nuove generazioni. Un suo studio sull’opera di Fabrizio De André, Suonare ti tocca. Apprendistato alla vocazione, appare nel volume “Cantami di questo tempo. Poesia e musica in Fabrizio De André – Atti del Convegno dell’Università di Cagliari, giugno 2003”(Aipsa Edizioni, 2007). In ambito teatrale ho partecipato alla stesura di Osvaldo Licini, errante erotico eretico, insieme a Giovanni Allevi, Neri Marcorè, Tullio Pericoli e Sandro Polci.
Vanta una lunga collaborazione con il cantautore Claudio Sanfilippo (di cui è in uscita un nuovo album di inediti, contenente poesie di Davoli lette da Neri Marcorè).
Direttore fino all’ultimo numero della rivista “Ciminiera”, fondata con l’ispanista Giovanni Cara, ne ha ricreato le intenzioni nell’odierna “Quid Culturae” (www.qculturae.it), di cui è direttore insieme all’artista e giornalista umbro Gaetano Fiacconi.

 

 

Gaetano Lettieri

LETTIERI GAETANO

Nato a Roma il 2 settembre 1961, è professore ordinario di Storia del cristianesimo e delle chiese, presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma La Sapienza, ove, dopo essere stato dal 2006 al 2011 Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Storico-Religiose, è dal 2011 Presidente del Corso di Laurea Magistrale in Editoria e Scrittura. Dal 2001 gli è stato ininterrottamente conferito l’affidamento dell’insegnamento di Storia delle dottrine teologiche presso la Facoltà, quindi il Dipartimento di Filosofia dell’Università di Roma La Sapienza.
Dal 1997 è professore invitato di Cristologia predogmatica presso la Facoltà di Teologia della Pontificia Università Lateranense di Roma; insegna come professore invitato anche presso la Pontificia Università Antonianum e l’Institutum Patristicum Augustinianum di Roma.
Nel gennaio 2012 è stato eletto presidente nazionale della CUSCC Consulta universitaria degli storici del cristianesimo e delle chiese.
Le sue competenze e le sue pubblicazioni vertono sulla storia del cristianesimo delle origini e sulla storia della riflessione teologica cristiana, in particolare sulla genesi e sullo sviluppo della cristologia primitiva in relazione alle origini dello gnosticismo; sulla dialettica storica tra eresia e ortodossia nel cristianesimo primitivo; sulla storia dell’esegesi biblica; sul rapporto tra teologie e antropologie di origine biblica e platonismo; sulla storia e sulla teologia dello gnosticismo; sulla genesi della prima teologia speculativa cattolica ad Alessandria, da Clemente ad Origene; sulla storia della teologia trinitaria patristica, in particolare di Origene, dei Cappadoci, di Mario Vittorino, di Agostino; sull’indagine storico-genetica e sistematica del pensiero di Agostino; sulla questione della teologia politica dall’antichità classica al pensiero contemporaneo; sullo studio della Wirkungsgeschichte patristica, in particolare dell’agostinismo e dell’origenismo, dal Medioevo al romanticismo tedesco; sulla storia del giansenismo e sul pensiero di Arnauld, di Pascal e di Malebranche; sulla storia della mistica cristiana; sulla genesi e la portata della dottrina dello sviluppo del dogma di Newman; sul rapporto tra teologia liberale e teologia dialettica in Barth e Bultmann; sul rapporto tra cristianesimo, secolarizzazione, democrazia e laicità; sul confronto del pensiero contemporaneo con la teologia e la storia del cristianesimo; sullo statuto metodologico della storia del cristianesimo.

 

 

manicardi-150x150

MANICARDI LUCIANO

E’ nato nel 1957 a Campagnola Emilia (RE), si è laureato a Bologna con una tesi sul Salmo 68. È entrato nella comunità monastica di Bose nel 1980, dove ha continuato gli studi biblici. È il responsabile della formazione culturale dei novizi all’interno della comunità. Collabora a diverse riviste, tra cui Parola Spirito e Vita. Attento all’intrecciarsi dei dati biblici con le acquisizioni più recenti dell’antropologia, riesce a far emergere dalla Scrittura lo spessore esistenziale e la sapienza di vita di cui è portatrice. Tra i suoi libri: Il corpo: via di Dio verso l’uomo, via dell’uomo verso Dio (2005); L’umano soffrire. Evangelizzare le parole sulla sofferenza (2006); Guida alla conoscenza della Bibbia (2009); La fatica della carità. Le opere di misericordia (2010).

 

Nepi_2

NEPI ANTONIO

Nato nel 1960. Ha conseguito il Dottorato in Scienze Bibliche.
Docente di Antico Testamento e Nuovo Testamento, nonché Lingue Ebraiche presso l’Istituto Teologico Marchigiano di Fermo/Ancona. Ha pubblicato numerosi testi, tra cui: Dal fondale alla ribalta – i personaggi secondari nella Bibblia Ebraica (2015); Commento al libro dell’Esodo (2004) Introduzione generale allo studio della Bibbia  (1996).

Traduttore dallo spagnolo e dall’ebraico, nonché curatore dell’opera di Luis Alonso Schokel – I salmi (1993) e numerosi altri testi. Collabora con numerose riviste bibliche.

Ha collaborato con il regista Pupi Avati.

 

Davide Rondoni

RONDONI DAVIDE

Nato nel 1964, a Forlì. Laurea in Letteratura italiana Università di Bologna, relatore Prof. Ezio Raimondi (110 lode). Ha fondato e dirige il Centro di poesia contemporanea dell’Università di Bologna. Ha tenuto e tiene corsi di poesia e letteratura nelle Università di Bologna, Milano Cattolica, Genova, Iulm e in diversi Istituti specializzati nonché all’estero a Yale University e Columbia University (Usa). E’ direttore artistico del festival DANTE09 a Ravenna. Ha partecipato ai più importanti festival di poesia in Italia e all’estero. Ha pubblicato alcuni volumi di poesia, tra cui “Il bar del tempo”, è uscito per Guanda nel gennaio ’99 e “Avrebbe amato chiunque” con i quali ha vinto, tra gli altri, i premi più importanti in Italia (tra cui Montale, Carducci, Gatto, Ovidio, Camaiore, Metauro). “Apocalisse amore”. Mondadori, Giugno 2008. Un libretto edito nel 2001, “Non sei morto, amore” (e ripubblicato nel 2006) è letto in performance dall’autore insieme ad un pianista di blues, oltre che messo in scena da Sandro Lombardi e David Riondino. Mentre con una compagnia di tango vengono lette le poesie di “Ballo lentamente con le tue ombre” (Tracce 2009).
E’ presente nelle più importanti antologie di poesia italiana del secondo Novecento edite da Mondatori (a c. Cucchi e Giovanardi) e da Rizzoli (a c. Piccini) e in numerose altre. Sue poesie sono edite in volume o in rivista in Francia, Usa, Venezuela, Russia, Inghilterra, Croazia, Cina e altri paesi.
Il romanzo breve “I santi scemi” (Guaraldi 1995) è stato finalista al premio Berto 1995 per l’opera prima.
Ha pubblicato il romanzo per ragazzi “I bambini nascono come le poesie” (Fabbri 2006)
Con Franco Loi ha edito nel 2001 per Garzanti un’antologia della poesia italiana dagli anni ’70 a oggi, “Il pensiero dominante. Poesia italiana 1970-2000”. Cura le collane di poesia de Il saggiatore e di Marietti.
Dirige la rivista di poesia e arte “clanDestino” per i cui quaderni ha curato, tra l’altro, “A casa dei poeti”, conversazioni con i poeti italiani, e “Cantami qualcosa pari alla vita”, conversazione con Mario Luzi e “I cercatori d’oro. Sei nuovi poeti italiani”. Ha tradotto da Rimbaud, Péguy, Dickinson e Baudelaire. Ha curato per Rizzoli una nuova edizione commentata a più voci della Commedia di Dante, il commento ad una edizione dei Cori da la Rocca di Eliot, un’edizione delle poesie di Ada Negri, delle lettere di E. Mounier e un’antologia di Charles Péguy.
Ha curato un libro di interventi (Gadamer, Giussani, Bigongiari) dal titolo La sfida della ragione, Guaraldi 1998, e un’antologia di scritti d’amore di Giacomo Leopardi (Garzanti, 2000) un libro-conversazione con Ezio Raimondi, (Guaraldi, 1999) una versione poetica dei Salmi da Marietti nel 2001. E’ autore di testi teatrali rappresentati in diversi teatri italiani, tra cui Il Piccolo di Milano, e il teatro Biondo di Palermo.
Collabora abitualmente in occasioni di readings di suoi testi o di scelte da lui curate con i migliori attori del teatro italiano (tra gli altri, Iaia Forte, Franco Branciaroli, Sandro Lombardi) e con musicisti come Lucio Dalla, Eugenio Finardi, Morgan e altri.

 

 

Irene 2

SANTORI IRENE

Si è laureata in filosofia nel 1999 presso l’Università “La Sapienza”. Studiosa di poesia mistica e conduttrice del programma radiofonico di RAI 3 “Uomini e Profeti”. Nel 2003 e nel 2004 ha pubblicato con l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, nel 2003 ha tradotto per Einaudi, nel 2006 ha pubblicato “In tempo e disparte”, la sua prima raccolta di poesie, nel 2011 ha pubblicato “Poesie Sacre, Cantici Spirituali di Jean Racine”.